Se i cult natalizi non si possono perdere, anche se visti e rivisti, ogni Natale almeno uno va visto, stessa cosa vale anche per i trash, che non devono mancare nella programmazione natalizia. 

Ecco quindi che vi proponiamo i 5 trash che non dovete perdere. Maglione con la renna e trash movie! Questo è Natale.

1. VACANZE DI NATALE di Carlo Vanzina (1983)

L’unico e inimitabile trash movie italiano firmato dai Vanzina. Il primo che ha dato il via ad una serie di trashate davvero esorbitanti anche se quest rimane forse il più trash. Jerry Calà, Claudio Amendola e Christian de Sica danno vita alle vacanze di Natale a Cortina, dove si riuniscono burini romani e milanesi imbruttiti. Trashissimo ma immancabile a Natale.

2. GREMLINS di Joe Dante (1984)

Il Natale sta arrivando a Kingston Falls, una piccola cittadina americana e un padre decide di regale al figlio un “mogwai”, una piccola creaturina pelosa. Tre semplici da seguire per non farli impazzire (non esporli alla luce, non nutrirli dopo mezzanotte e non bagnarli). Ovviamente vengono infrante tutte ed ecco che queste creature si trasformano in Gremlin, mostriciattoli verdi molto pericolosi, sadici e brutali. C’è qualcosa di più trash?

3. JACK FROST di Troy Miller (1998)

Michael Keaton in una doppia veste: quella di un padre amorevole che muore in un incidente e che il figlio dodicenne fa rivivere in un pupazzo di neve. Direi che più trash di così, un pupazzo di neve che vive in un freezer e continua la parte di padre amorevole ma con un tappo di sughero al posto del naso. Trash e Keaton. Imperdibile. 

4. SOS FANTASMI di Richard Donner (1988)

Bill Murray nei panni di un dirigente di un’emittente televisiva che ha sacrificato tutto per la carriera a Natale rivive sulla sua pelle il racconto di Charles Dickens, il canto di Natale. Dove c’è trash e ani Ottanta, c’è Bill Murray e noi non ce lo perderemo neanche questo Natale. 

5. GINGERDEAD MAN di Charles Band (2005)

Trash e commedia horror si fondono in questo dove dal titolo si capisce già che sono quei piccoli biscotti a forma di omino, in questo caso un piccolo pan di zenzero indemoniato, un killer.