Ho appena finito di vedere la miniserie Dracula di Netflix creata da Mark Gatiss e Steven Moffat già creatori della famosa serie tv Sherlock. Questa miniserie è composta da 3 episodi della dura di circa un’ora e mezza l’uno come hanno fatto per Sherlock. Ovviamente si racconta del Conte tendo come traccia il famoso romanzo di Bram Stoker ma esplorando anche il motivo delle sue debolezze e delle sue paure, ovviamente non mancano scene di sangue un po’ in stile horror che non guastano mai, è sempre il classico vampiro assetato di sangue che appena lo vede zampillare non può resistere alla tentazione di berlo. Ho trovato che la scelta di Claes Bang per la parte di Dracula sia molto azzeccata anche perchè in una scena dove si vede con gli occhi iniettati di sangue, fauci spalancate e un rivolo di sangue che gli esce dalla bocca mi ha ricordato il grande Christopher Lee in una delle sue interpretazioni del vampiro e ce ne sono pochi di attori che posso eguagliare un mostro sacro come lui.

In conclusione anche se sentito diversi pareri negativi personalmente mi è piaciuta ed è stata realizzata bene con i costumi e luoghi del tempo in cui è ambientato, l’unica cosa discutibile è stato il finale che lascia l’amaro in bocca ma non voglio entrare nei dettagli per non fare spoiler. Se vi piace la serie Sherlock e se siete fan del Conte vi consiglio vivamente di vederla, però vi consiglio di non pensarla che sia come Sherlock ma come una cosa completamente diversa per non crearvi troppe aspettative.